UN'ORA DI GRANDE FIORENTINA, POI IL CALO E IL K.O.. INGENUITA' GONZALEZ, DUSAN A SECCO

21.09.2021 22:44 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
UN'ORA DI GRANDE FIORENTINA, POI IL CALO E IL K.O.. INGENUITA' GONZALEZ, DUSAN A SECCO
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca 2021

DRAGOWSKI – Primo intervento di rilievo, sulla punizione di Calhanoglu. Sul diagonale di Darmian dà la sensazione di poter fare di più, poi osserva Dzeko staccare e ribaltare la sfida. Più tardi si complica la vita con una rimessa di piede da brividi poi dopo aver messo i pugni su Dzeko, in contropiede, osserva Perisic siglare il 3-1, 5,5

BENASSI - Non solo fa il terzino, ma si ritrova davanti un certo Perisic che comunque riesce a contenere adeguatamente, 6

Dal 21'st ODRIOZOLA – Prova a spingere ma nel finale gli scappa Gagliardini che appoggia a Perisic il gol del 3-1

MILENKOVIC – Sicuro anche in marcatura concede un solo fallo al limite nell'arco di tutta la prima frazione. Prova a chiudere alla disperata su Darmian, sul gol del pari, ma non fa a tempo e dopo il raddoppio di Dzeko perde convinzione, 5,5

NASTASIC – Di fatto all'esordio si fa guidare da Milenkovic e ringrazia il fuorigioco che annulla il suo autogol sul tocco di Perisic da sinistra. Tagliato fuori dal tocco di Barella per Darmian nell'azione del pari interista, è in ritardo su Sanchez che chiude sul 3-1. Non la serata ideale per ritrovare una maglia viola da titolare dopo tanto tempo, 5,5

BIRAGHI – Ci prova in avvio, da fuori, con un bel tiro che finisce largo di poco dopo l'occasione di Gonzalez, poi concede il bis con discesa palla al piede e siluro sul quale ancora Handanovic dice no. Chiude il primo tempo rischiando qualcosa con un tocco di mano che però è fuori area mentre nella ripresa il gol di Darmian arriva dalla sua parte e Dzeko lo sovrasta sul 2-1. Punito dagli episodi, 5,5

BONAVENTURA – Il primo pallone che recupera è davanti all'area nerazzurra e dopo 3 minuti di gioco. Rischia qualcosa in uscita ma prima dell'intervallo libera ottimamente in area Sottil e in avvio di ripresa nega il tiro a Calhanoglu sull'invito di Perisic. Il suo dinamismo però non viene mai meno, 6,5

Dal 38'st KOKORIN – S.v.

TORREIRA – Tiene bene tempi e distanze cominciando ad alzare il pressing fin dai primi minuti e soprattutto senza rinunciare mai al gioco di prima. Altri passi in avanti nell'inserimento in gruppo, 6,5

Dal 21'st AMRABAT – Entra in un momento difficile della gara ma non si tira indietro nei duelli in mezzo al campo, 6

DUNCAN – Confermato sulla mediana spara alto, di poco, dopo una ventina di minuti. Col passare del tempo si nasconde un po' fino a riapparire quando Darmian lo stende rimediando il giallo. Non sfigura affatto, 6,5

Dal 38'st CALLEJON – S.v.

SOTTIL – Si muove bene nell'avvio tambureggiante della sua squadra, anche quando invita Duncan al tiro, e si fa trovare nel posto giusto sull'invito di Gonzalez per il gol dell'uno a zero. Meno incisivo sul tocco a smarcare di Bonaventura che non concretizza nel migliore dei modi e anche nella ripresa fatica ad arrivare al cross, 6

Dal 28'st SAPONARA – Poco tempo e pochi spazi per incidere, 6

VLAHOVIC – In versione rifinitore offre subito un pallone d'oro a Gonzalez, poi esalta Handanovic dopo 10 minuti obbligandolo al tuffo in corner. Apre il suo secondo tempo con un tiro alto sopra la traversa dopo non aver assistito al meglio Gonzalez. Finale di gara in ombra anche perchè di palloni ne arrivano pochi. Resta a secco, 5,5

GONZALEZ – Sua la prima occasione che obbliga Handanovic a metterci una pezza, suo soprattutto l'assist per il vantaggio di Sottil. Perde un filo di dinamismo col passare del tempo, forse anche per stanchezza s'innervosisce (tanto) con l'arbitro. Avrebbe ragione per la trattenuta di Bastoni ma gli applausi ripetuti all'arbitro sono troppi e gli costano il rosso. Ingenuità, 5

ITALIANO – Stupisce ancora di più rispetto al solito, anche per il valore dell'avversario, perchè piazza Benassi a fare il terzino destro, rilancia Torreira e soprattutto Sottil pur recuperando Gonzalez. I primi 25 minuti della sua squadra sono uno spettacolo per rapidità e intensità, e il gol di Sottil è il minimo dopo almeno tre interventi importanti di Handanovic. Quando l'Inter risale di tono, nel primo tempo, la tenuta non viene meno e solo il pareggio di Darmian cambia gli equilibri, anche psicologici, della partita. Incassato il raddoppio di Dzeko inserisce Odriozola e Amrabat per Benassi e Torreira, poi toglie Sottil e mette Saponara, infine prova anche Kokorin ma in dieci contro undici i suoi sono sulle gambe. Resta negli occhi oltre un'ora di gioco straordinaria, ci sarà tempo per accorciare il divario da una big come l'Inter, 6,5