MERCAFIR, Il saluto di Rocco: a mai più rivederci

06.06.2020 13:00 di Mattia Verdorale Twitter:    Vedi letture
MERCAFIR, Il saluto di Rocco: a mai più rivederci

Un anno fa Rocco Commisso, col suo stile "fast, fast, fast" si presentava al capoluogo toscano esponendo tutti i suoi progetti per rendere grande la sua Fiorentina. Tra di essi c'era e c'è sicuramente quello di regalare alla Fiorentina una nuova casa dove ospitare le gare casalinghe. La costruzione di un nuovo stadio è sempre stata un'idea che balenava nei pensieri del tycoon americano fin da subito, il quale molte volte ha ribadito che senza delle infrastrutture adeguate e uno stadio moderno non ci saranno mai abbastanza ricavi e di conseguenza meno investimenti. La Fiorentina ha vagliato tre ipotesi per quanto riguarda la questione nuovo stadio: la ristrutturazione del Franchi, e per la costruzione del nuovo stadio i terreni della famiglia Casini a Campi Bisenzio e l'area Mercafir

La società viola però, in data 5 marzo, ha annunciato pubblicamente in maniere ufficiale che non avrebbe partecipato al bando Mercafir del 6 aprile (scadenza ora prorogata al 28 maggio per via dell'emergenza). Quindi la telenovela sulla possibilità di far sorgere uno stadio nel complesso immobiliare "Area Mercafir Comparto Sud" è decisamente svanita, poiché nessuna delle tre condizioni (tempi rapidi, costi ragionevoli e total control), poste da Commisso, venivano soddisfatte e rispettate. Non sono state date abbastanza garanzie per avere il totale controllo delle operazioni e il prezzo d'acquisto è stato ritenuto decisamente troppo alto. 

Ecco che le ipotesi sul tavolo, al momento, si sono ristrette a due. Anche il Comune di Firenze si è rassegnato all'idea che l'area Mercafir, ormai messa a bando, non verrà acquistata dalla Fiorentina. Di conseguenza il Sindaco Nardella ora spinge per la ristrutturazione del Franchi, mentre rimane sempre in piedi l'opzione Cambi Bisenzio, più concreta e meno complicata. Il primo cittadino di Firenze ha provato fino all'ultimo a convincere il presidente viola sull'area Mercafir, ma ormai Rocco Commisso è rimasto fermo sulle proprie decisioni. Quindi il capitolo "stadio nuovo alla Mercafir", dopo un anno di presidenza del tycoon americano, può considerarsi definitivamente al capolinea.