LA SCELTA DI PRANDELLI. MA PER VLAHOVIC È ORA DI SEGNARE

05.12.2020 11:00 di Giacomo A. Galassi Twitter:    Vedi letture
LA SCELTA DI PRANDELLI. MA PER VLAHOVIC È ORA DI SEGNARE
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca 2020

La politica di Cesare Prandelli in merito agli attaccanti è chiara ormai dalla sua prima esperienza in viola: si punta su un giocatore e, piaccia o no, non si cambia a meno che non sia necessario. Così fu per Toni, per Gilardino e per tutte le prime punte che ha allenato. Una politica che permette alle punte di trovare continuità, che poi è la caratteristica fondamentale di chi deve fare gol.

Nella Fiorentina di oggi la scelta è ricaduta su Dusan Vlahovic, un giocatore che per ora con Toni e Gilardino condivide solo la posizione in campo, ma che seppur giovane ha mostrato qualità e attitudine da grande giocatore, anche se in partita fatica a trovare i movimenti giusti e, soprattutto, la porta. È un problema atavico per la Fiorentina, quello della punta: da Simeone a Cutrone, sono anni che la squadra viola non riesce a trovare qualcuno che davanti segni con continuità.

Per Vlahovic il momento è tutt'altro che semplice, costretto a giocare con la pressione di tutta la squadra e senza aver ancora l'esperienza per farlo. Il solo gol trovato in 558' minuti in campo in stagione poi non aiuta ad alzare l'autostima. Il tempo però sta continuando a passare, e queste prossime partite suonano un po' come ultima campanella per un giocatore il cui futuro, se non comincerà a segnare, è destinato ad essere altrove