L'EUROPA PUÒ ATTENDERE

24.05.2022 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    vedi letture
L'EUROPA PUÒ ATTENDERE
FirenzeViola.it
© foto di Image Sport

L'Europa può attendere, la Conference League è ancora un traguardo solo teorico (in effetti ad agosto servirà un play-off per accedere ai gironi) e comunque prima di tornare in campo c'è ancora parecchio tempo. Così prima ancora di provare a immaginare la Fiorentina che verrà, quella che se la giocherà su tre fronti il prossimo anno, c'è urgente bisogno di un punto, di chiarezza relativa alle prossime settimane certo, ma anche a quelle passate.

Ecco perchè l'intervento in programma oggi alle 13:00 del presidente Commisso diventa centrale nelle vicende viola, ed ecco perché è importante che sia proprio il numero uno della Fiorentina a rispondere alle domande della stampa che verranno inoltrate oggi durante il collegamento con gli USA (in mancanza di una conferenza stampa in presenza Firenzeviola.it ha preferito non inoltrare domande. Non una posizione polemica e le parole di Commisso verranno puntualmente riportate, ma – come probabilmente per altre testate - la sensazione che dopo tanto attendere sarebbe stato più utile un altro tipo di confronto).

Non è troppo difficile immaginare la scaletta dei vari interventi, che si tratti dei casi più spinosi del momento come il riscatto (sospeso) di Torreira o gli obiettivi relativi alla prossima stagione fino alle voci che nel recente passato avevano accostato l'interesse di qualche fondo straniero nei confronti del club, di certo è lecito pensare che l'intervento di Commisso possa rassicurare un ambiente che nel giro di poche ore è passato dalla festa per l'Europa al possibile addio a uno dei protagonisti dell'annata entrato nel cuore della tifoseria (l'hashtag #riscattateTorreira apparso un po' ovunque sui social, e soprattutto sui profili della società, lo conferma).

Un rapidissimo sali scendi che adesso impone di ascoltare soprattutto la versione della Fiorentina. Per rinforzare la convinzione che in mezzo a tante voci, tra l'addio a un leader del gruppo, e il rinvio ai primi di luglio per sancire il nuovo sodalizio con Italiano, in casa Fiorentina siano ben chiare le idee sul futuro e sul prossimo mercato nel quale i nomi dei vari Vicario o Belotti cominciano già a circolare insistentemente.