DAI NAZIONALI VIOLA L'ESEMPIO MIGLIORE PER IL GRUPPO: TUTTI UNITI, TUTTI TITOLARI

04.08.2021 20:00 di Luciana Magistrato   vedi letture
DAI NAZIONALI VIOLA L'ESEMPIO MIGLIORE PER IL GRUPPO: TUTTI UNITI, TUTTI TITOLARI
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

La Fiorentina da ieri ha riabbracciato i suoi nazionali, quattro dei quali campioni continentali. E tutti tornano con la mentalità e l'entusiasmo delle vittorie ottenute, anche non tutti sono stati titolari inamovibili nelle loro selezioni, un po' perché il turn over in certe competizioni è fondamentale per recuperare energie, un po' perché in un gruppo, fuori o dentro, ci sono  "26 titolari", come hanno sempre sottolineato gli azzurri intervistati. Ne sa qualcosa Gaetano Castrovilli, rimasto spesso in tribuna ma non per questo meno importante nel gruppo azzurro appunto. E lo ha ribadito oggi Lucas Quarta (non sempre titolare in Copa America, al pari di Pezzella e di Gonzalez) in un'intervista al canale tematico viola, quando, parlando di ruolo, ha spiegato che "le decisioni spettano al tecnico. Uno può giocare come no, si gioca in 11, ma è normale che uno voglia sempre giocare. Se ciò non sarà possibile si può sostenere la squadra da fuori, come ho fatto con la mia Nazionale anche in Coppa America. A volte è importante anche chi resta fuori".

Proprio questo spirito sarà fondamentale per costruire la nuova Fiorentina targata Italiano. Il tecnico viola ha già sperimentato nello Spezia quanto sia fondamentale che tutti capiscano i concetti di gioco dell'allenatore e che la squadra giochi nello stesso modo e con lo stesso atteggiamento indipendentemente dagli interpreti. Questa è stata la sua forza in una squadra senza primedonne. Ora saranno proprio questi giocatori reduci dalle vittorie di gruppo in Nazionale a dover trasmettere agli altri che, come dice Quarta, chi sta fuori è altrettanto importante". Senza mugugni e senza rovinare il clima come può accadere quando ci sono giocatori scontenti, perché nel gruppo si sentano tutti titolari, indipendentemente dal minutaggio e dalle scelte del tecnico. I buoni esempi insomma nel gruppo viola ci sono.