CORSA CONTRO IL TEMPO

12.06.2019 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Giacomo Morini
CORSA CONTRO IL TEMPO

Tempo e probabilmente anche una gran bella scorta di caffè, magari tipicamente americano e lungo. A Rocco Commisso e al suo entourage servirà sostenere parecchi straordinari nei prossimi giorni, anche se si è ufficialmente conclusa la prima vera grande esperienza fiorentina. Il presidente è rientrato negli States ieri, dopo aver sistemato i primi tasselli della sua nuova creatura e gettato le basi per il resto. La conferma del settore giovanile, dell'assetto legato alla squadra femminile, e l'addio a Pantaleo Corvino, oltre a un contatto pressochè costante con Giancarlo Antognoni, sono stati i primi passi della nuova proprietà. 

Adesso restano però da sistemare i tasselli più importanti: la figura di un amministratore delegato, quella di un nuovo direttore sportivo, l'eventuale inserimento di qualche "ex pesante" e soprattutto la conferma o il cambio del tecnico. Se su Montella resta probabilmente da attendere qualche giorno, a vacanze terminate, sulle figure dirigenziali ai nomi degli ultimi giorni si è aggiunto quello di Daniele Pradè, direttore sportivo di ritorno che soltanto 24 ore fa sembrava destinato a un altro rientro, ma a Genova alla Sampdoria. 

In realtà nel giro di poco le cose sembrano essere cambiate, con i blucerchiati che si sarebbero fatti da parte e con il dirigente capitolino che è a un passo dall'ingresso nella viola stelle e strisce. Un po' come quel Batistuta che non era passato inosservato a cena con Antognoni soltanto qualche giorno fa. Insomma il mosaico comincia a prendere forma, e tutto sommato intriga fosse solo perchè dar giudizi a priori adesso avrebbe poco senso. 

Per il resto il nome di Scolari resta in auge per rinforzare la struttura societaria, mentre è chiaro che l'idea Pradè favorirebbe eccome la riconferma di Montella. Tempo al tempo, insomma, con il bisogno di prendere decisioni efficaci in tempi rapidi. In attesa di conoscere le date ufficiali del ritiro di Moena (rivisto alla luce dell'ICC) Firenze freme per capire che volto avrà la nuova Fiorentina. Contando che da qui all'inizio del prossimo mese ci sono poco più di due settimane, serve costruire le fondamenta il prima possibile per poi dedicarsi completamente al mercato.