A BOLOGNA SERVE UNA VIOLA ESPERTA: 26 ANNI IN PIÙ IN CAMPO?

13.02.2024 13:00 di Andrea Giannattasio Twitter:    vedi letture
A BOLOGNA SERVE UNA VIOLA ESPERTA: 26 ANNI IN PIÙ IN CAMPO?
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

La decisione finale arriverà solo a ridosso della riunione tecnica di domani pomeriggio eppure la sensazione è che Vincenzo Italiano, dopo aver varato una Viola con una spiccata indole offensiva nella sfida interna contro il Frosinone, per fronteggiare al meglio il Bologna sia adesso pronto a ridisegnare di nuovo la sua Fiorentina, dandole stavolta un'anima più "accorta" e soprattutto "esperta". Alcuni punti di riferimento, nonostante la serie di impegni ravvicinati di questa settimana, non cambieranno (intoccabili, ad esempio, si annunciano Milenkovic, Biraghi, Gonzalez, Ikoné e soprattutto Belotti) eppure quello che filtra dal Viola Park è che alcune pedine - alcune delle quali hanno peraltro fatto il loro ingresso domenica, nella parte finale di gara coi ciociari - siano in predicato di partire dall'inizio al Dall'Ara.

Per la gara con il Bologna che vale probabilmente una fetta d'Europa (ma già non perdere consentirebbe alla Fiorentina, per esempio, di chiudere in vantaggio sugli emiliani gli scontri diretti visto il 2-1 ottenuto al Franchi) viaggiano spediti verso una maglia da titolare sia Bonaventura sulla trequarti che Arthur a centrocampo. Ma non sorprenderebbe nemmeno di vedere di nuovo Faraoni titolare sulla fascia destra, al posto di un Kayode che, nonostante l'ottima prova dell'ultimo turno, non sembra ancora avere quelle caratteristiche tecniche per fronteggiare un pessimo cliente come Saelemaekers. Fuori dunque, oltre all'ex Gozzano, Beltran alle spalle del Gallo e Mandragora in mediana. 

A risentirne, oltre che l'atteggiamento in partenza della squadra (molto più guardingo e, sotto certi aspetti, temporeggiatore, grazie alla qualità nel palleggio di Arthur) sarebbe la carta d'identità complessiva della rosa. Che passerebbe da un undici di partenza con in campo un 2004, un 2001 e un 1997 a - rispettivamente - un 1991, un 1989 e un 1996, aggiungendo con i tre nuovi ingressi ben 26 anni alla rosa. Un'iniezione totale di esperienza. La linea "verde" trionferà gioco forza a livello di centrali difensivi, dove complice la squalifica di Martinez Quarta ('96) tornerà dal 1' Luca Ranieri ('99).