STADIO, FINALMENTE COMUNE E FIORENTINA TORNANO A DIALOGARE. VARGAS NON ACCENDE. MEGLIO KEAN DI DIA, IL CHOLITO UNICA ALTERNATIVA

12.01.2024 10:55 di Luca Calamai Twitter:    vedi letture
STADIO, FINALMENTE COMUNE E FIORENTINA TORNANO A DIALOGARE. VARGAS NON ACCENDE. MEGLIO KEAN DI DIA, IL CHOLITO UNICA ALTERNATIVA
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

Non sono un esperto della vicenda stadio. Ma una cosa mi sembra di averla capita e cioè che senza un corretto e sottolineo corretto dialogo tra Comune e Fiorentina avremo solo sconfitti. Ringrazio il Prefetto che ha rimesso tutte le parti intorno al tavolo. Ma ora il dialogo deve continuare. Senza minacce, senza fughe elettorali, senza che nessuno dei “contendenti” pretenda di stravincere. Io sono per l’opzione Padovani con Commisso che copre i cinque milioni che servono per avere una capienza da Serie A.

Di sicuro non può essere la pensionata di Novoli o l’impiegato di Campo di Marte a pagare un qualcosa che serve a una società di calcio che ha un proprietario che è tra gli uomini più ricchi del Mondo. Poi, mi aspetto che l’amministrazione Comunale aiuti la proprietà viola a far fruttare al meglio dal punto di vista economico il nuovo Franchi. Mi aspetto anche che Empoli ospiti sei-sette partite di campionato a inizio della prossima stagione. Sono sicuro che il presidente Corsi sosterrà la richiesta di Commisso. Ma bisogna imboccare in fretta questa strada. Tutti devono fare un piccolo ma decisivo passo indietro o se preferite in avanti. Basta guerra ora serve un accordo.  

Intanto il mercato viola è in colpevole ritardo. Non capisco se la Fiorentina è stata colta in contropiede dal fallimento di Nzola e ha dovuto cambiare strategia in corso d’opera andando alla ricerca di un bomber o se il direttore Barone stia aspettando l’idea giusta  da qualche procuratore. Non riesco ad appassionarmi allo svizzero Vargas. Le sue statistiche lo inquadrano come un esterno d’attacco di basso profilo. Continuo a chiedermi se Commisso abbia voglia o meno di provare a coltivare il sogno Champions. Il campionato regala un’occasione probabilmente unica.

Spero, almeno, che la Fiorentina riesca a chiudere l’operazione Kean. Questo bomber che piace tanto a Spalletti ha un carattere complicato e negli ultimi tempi ha segnato con il contagocce. Ma è un centravanti di grandi potenzialità. E vorrà fare di tutto per riuscire a convincere il cittì a portarlo all’Europeo. La Juve vuole due milioni e mezzo per il prestito? Kean ha ancora un ingaggio da un milione e mezzo netto da incassare? Certo, la Fiorentina dovrebbe spendere per un qualcosa che non sarà suo. Ma non si può continuare a giocare senza centravanti.

L’alternativa a Kean è Simeone ma dovresti comprarlo dal Napoli. Magari inserendo Barak quale contropartita tecnica. Ma siamo sicuri che il Cholito sia il bomber giusto per i prossimi tre anni?

Chiudo con una riflessione sull’Atalanta. Penso che ci dovremo abituare a vivere un lungo duello con mister Gasperini, il re degli antipatici. Oltre alla finale di Coppa Italia considero la squadra bergamasca la vera rivale dei viola per la conquista del quarto posto in campionato. Quella che regala una montagna di soldi. La sfida è aperta. La squadra di Italiano ha già battuto il Gasp nel girone d’andata ma andate a guardare il pacchetto d’attacco della Dea. E ditemi se Italiano non merita di avere almeno due goleador nuovi. E, soprattutto, “veri”.