STADIO, Viola, goditi DV9 finché c'è: lui come Bati

20.11.2021 08:15 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
STADIO, Viola, goditi DV9 finché c'è: lui come Bati
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Sulle pagine odierne de Il Corriere dello Sport-Stadio viene fatto oggi un parallelo tra i due giocatori più talentuosi che scenderanno in campo stasera in occasione di Fiorentina-Milan, ovvero Dusan Vlahovic da un lato e Rafael Leao dall'altro: il serbo è un centravanti come a Firenze non si vedevano dai tempi di Toni e, soprattutto, di Batistuta. Il numero 9 viola è un centravanti fatto e finito. Non ha ancora 22 anni e tra un anno sarà tra i protagonisti del Mondiale in Qatar. In area di rigore Vlahovic sa fare tutto. Ha fiuto del gol. Sa smarcarsi. È centravanti di rapina. E allo stesso tempo sa fare a sportellate. Fa gol di testa. In acrobazia. Non disdegna il tiro da fuori. Somiglia a tanti calciatori: può essere Paolo Rossi come Boninsegna, o anche Voeller. Ha un'altra caratteristica: i rigori li segna sempre. Non ne ha sbagliato uno in carriera. Undici su undici in Serie A. Per non fare gol, non deve tirarli. Come quest'anno contro il Cagliari, quando non se l'è sentita e ha chiesto a Biraghi di farlo al posto suo. Il contratto con la Fiorentina scadrà nel 2023 e non intende rinnovarlo. I gol, però, continua a segnarli. I tifosi se lo godessero finché c'è.