DRUDA A RFV, Torreira? Serviva parola in più del mister

24.09.2022 18:20 di Redazione FV Twitter:    vedi letture
DRUDA A RFV, Torreira? Serviva parola in più del mister
FirenzeViola.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Roberto Druda, scouting di giocatori e scopritore di Lucas Torreira, è intervenuto a Radio Firenzeviola per parlare del centrocampista ora al Galatasaray: "Pensavo che sarebbe rimasto per 4-5 anni a Firenze perché lui stava bene e aveva un bel feeling con la piazza e ci sono rimasto male come diversi tifosi della Fiorentina. Conoscendo Lucas come punta sapevo che impiegato un po' più avanti avrebbe reso anche in termini di gol perché davanti ha qualità eccezionali, io infatti lo conobbi come seconda punta. Massimo Oddo poi lo fece giocare play in Primavera anche se io avevo un altro parere perché è forte dietro le punte. Con il 4-4-2 la situazione è cambiata, prima c'era il numero 10 che furono dirottato esterni o in altre posizioni, poi con Pirlo si è cominciato a metterli davanti alla difesa perché la giocata viene fatta lì. E' un'evoluzione tattica per cui chi ha certe caratteristiche, unite alla capacità difensiva, viene messo play. Addio solo problema economico? Forse per il procuratore sì ma per me non è stata una buona scelta andare in un campionato poco seguito. Per Lucas per l'età che ha e per recuperare totalmente dall'infortunio grave avuto due anni fa non doveva fare quella scelta, perché questo sarebbe stato l'anno giusto per lui. Ma non si tratta solo di soldi, dopo la partita di Napoli,  l'allenatore non lo mise e si vide quando segnò contro la Juve che aveva una rabbia dentro... "

Come se lo spiega? "Non credo fosse giusto non farlo giocare. Anche se capisco la scelta su Amrabat, già della Fiorentina mentre per Torreira bisognava spendere e non c'era più feeling con l'allenatore. Se il giocatore non poteva intervenire con il suo procuratore? Lucas sapevo che sarebbe diventato un paladino della città per come gioca e carattere ma la società economicamente voleva valorizzare un suo giocatore giovane da valorizzare, chi non l'ha voluto alla fine secondo me è stato l'allenatore. E' un pensiero mio ovviamente perché eventualmente doveva dire che lo voleva, come aveva fatto ad inizio anno. Quindi la parte economica ha inciso ma credo è mancata la parola in più di Italiano. Lui non è uno che bacia la maglia e poi va via, anche se con il procuratore che ha...

Mandragora scelta giusta? Ce lo fece prendere Oddo che lo aveva nel Genoa, i grandi giocatori si vedranno nel momento difficile. E' un buon giocatore ma Lucas sapeva tirare fuori il carattere nello spogliatoio. Non parlo dell'aspetto tecnico insomma, ma del lato caratteriale che in Torreira era un valore in più".

Campionato viola? "Non so su chi può contare l'allenatore, gli manca la punta dell'anno scorso e gli manca Tortrita dal lato caratteriale. E' sempre la testa a fare la differenza tra giocatori bravi. Si dice sempre che è un bel gruppo ma quando si perde non basta. Io spero che la Fiorentina faccia bene e che Torreira torni. Lui c'è rimasto male male. Margini per trattative? Può essere cavallo di ritorno o minestra riscaldata per carità, vediamo come giocherà il Mondiale ma un conto per me è giocare in Turchia e un altro a Firenze".