SENZA SOSTA

22.09.2020 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
SENZA SOSTA

Archiviata la soddisfazione per la prima vittoria stagionale e Rocco Commisso era già proiettato sulle altre vicende viola. Dopo il sopralluogo, positivo, al centro sportivo l’attenzione del presidente si è spostata sullo stadio, visitato nella giornata di domenica con tanto di calcinaccio pubblicizzato in tv nel corso del collegamento con Novantesimo Minuto. Anche se ieri l’americano era nuovamente ai campini per seguire da vicino il lavoro della squadra questi saranno i giorni della partita avviata dal sbloccastadi tanto che tra oggi e domani è previsto il primo incontro con il Sindaco Nardella. 

Il primo di tanti summit che dovranno chiarire la fattibilità di un intervento sul Franchi assume ulteriore valore alla luce del risultato elettorale che premia il candidato Giani del centrosinistra, una linea di continuità che convergere su quella riqualificazione del Campo di Marte che la stessa amministrazione comunale ha anticipato. Spetterà a Commisso chiarire le proprie idee in termini di restyling, ripartendo da quel concetto riferito alla Gazzetta dello Sport, nell’ultima intervista, in cui l’americano si augurava di non “dover operare a pezzi”. 

Quanto al mercato per il momento sono soprattutto le uscite a tenere banco di questi tempi. Mentre Ranieri è destinato alla Spal, e Illanes al Chievo, il Verona sta alzando il pressing per Ceccherini, quanto a Saponara e Cristoforo il primo resta nel mirino del Parma mentre il secondo spera in una nuova chiamata dalla Spagna. Servirà ancora trovare una destinazione anche per Boateng, il cui ingaggio non è indifferente, poi l’opera di sfoltimento sarà a buon punto. E sarà da quel momento in poi, fino al termine delle trattative, che i viola attenderanno di capire che scenari creerà il mercato, per i nomi più importanti come Chiesa e Milenkovic ma anche e soprattutto per idee last minute che riguardino tutti i reparti.