PULGAR È FREDDO, CHIESA C'È, CACERES MALE, VLAHOVIC COSÌ E COSÌ. CUTRONE ENTRA BENE

22.02.2020 22:45 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca 2020
PULGAR È FREDDO, CHIESA C'È, CACERES MALE, VLAHOVIC COSÌ E COSÌ. CUTRONE ENTRA BENE

DRAGOWSKI – Subito determinante nel respingere il colpo di testa ravvicinato di Rebic si ripete poco dopo quando Pulgar anticipa Calhanoglu. Ibrahimovic lo supera di forza ma l'azione è irregolare. Battuto dopo 10 minuti nel secondo tempo da Rebic gentilmente omaggiato da Caceres, è incolpevole, 6,5

MILENKOVIC – Sua la prima conclusione a rete con una bella iniziativa personale dopo una decina di minuti. Continua a fare buona guardia come da consuetudine anche sulle palle alte, 6

PEZZELLA – Pronti via ed è attento in anticipo su Ibra, ma non s'intende sul fuorigioco con Milenkovic e perde pericolosamente Rebic intorno al quarto d'ora. Comincia bene la ripresa chiudendo in tempo sul cross di Theo per Rebic poi resta sorpreso sul tocco sbagliato di Caceres che manda Rebic in rete. Segue il contropiede di Duncan, più tardi, liberando Vlahovic in ottima posizione. Tutt'altro che arrendevole, 6

CACERES – Dalla sua parte c'è Castillejo che agisce praticamente da attaccante, lui difende bene per tutto il primo tempo e ringrazia il Var sul gol annullato a Ibra visto il suo ultimo intervento che non ferma lo svedese. Non ci sono invece moviole sul pallone che regala a Rebic per il vantaggio rossonero. La prova negativa prosegue quando spreca un buon contropiede a metà secondo tempo. Alla fine l'ammonizione è il male minore. Serata no nonostante nel finale vad vicinissimo al colpaccio, 5

LIROLA – Di testa, su un cross dalla sinistra, non impensierisce Donnarumma. Resta vigile anche se in avvio di ripresa perde pericolosamente Theo che entra in area e crossa. Dopo la prima sostituzione prende il posto di Dalbert sulla sinistra per qualche minuto poi viene sostituito, 6

Dal 27'st IGOR - Nel finale alza le barricate insieme ai compagni di reparto, 6

CASTROVILLI – Rimedia un colpo in avvio poi su invito di Chiesa spara alta una buonissima occasione. Di lì a poco però obbliga Calhanoglu al giallo. Sotto di un gol e in dieci contro undici Iachini lo sacrifica per inserire Cutrone, 6

Dal 23'st CUTRONE – Un primo tentativo ma in posizione di fuorigioco, poi si prende con malizia il rigore del pareggio e offre un signor assist a Caceres, 6,5

PULGAR – Si fa apprezzare in copertura come quando anticipa Calhanoglu in area su un cross dalla destra. Travolto anche lui nell'azione del gol annullato riesce comunque a farsi valere pur faticando nell'impostazione. Soprattutto è freddo dal dischetto e regala un pareggio insperato, 6,5

DUNCAN – Un paio d'iniziative pregevoli e un pallone al limite che poteva gestire meglio in una prima mezz'ora molto accorta. Guida a dovere il contropiede che porterà Vlahovic a sfiorare il pareggio a una ventina di minuti dalla fine. Non sfigura, 6,5

DALBERT – Bella diagonale su Castillejo dopo cinque minuti, poi non è impeccabile su Ibra nel gol annullato, ma per fortuna c'è il Var. Restano tanti i dubbi sul cartellino giallo che Calvarese tramuta in rosso. Penalizzato, 5,5

CHIESA – Bravo nel soffiare palla a Donnarumma prima di offrire un pallone d'oro a Castrovilli nella prima occasione del match. Apre il secondo tempo con una bella girata di testa che riscalda il neo entrato Begovic. Dopo l'ingresso di Cutrone va a fare l'ala destra. Gara di sacrificio, 6,5

VLAHOVIC – Avvio in sordina con qualche appoggio sbagliato di troppo e un liscio in area rossonera su un pallone da destra. La palla buona per lasciare il segno arriva a metà ripresa, su invito di Pezzella ma angola troppo il diagonale e spara fuori. Si fa parzialmente perdonare con l'assist per Cutrone che si guadagna il rigore, 5,5

IACHINI – Nessuna sorpresa nella formazione che è la stessa di Genova con Pulgar al posto dello squalificato Badelj. Come contro l'Atalanta nel primo tempo i suoi la buttano più sull'agonismo che sulla tecnica anche se l'occasione iniziale di Castrovilli potrebbe cambiare le carte in tavola al pari del gol di Ibrahimovic poi annullato grazie al VAR. L'episodio arriva così nel secondo tempo, con il regalo di Caceres a Rebic che porta avanti il Milan. Con un uomo in meno per l'espulsione (discutibile) di Dalbert tira fuori Castrovilli e Lirola e inserisce Cutrone e Igor. Anche se in ginocchio i suoi trovano il sussulto nel finale e pareggiano su rigore procurato dal neo entrato Cutrone. In un modo o nell'altro stasera l'ha raddrizzata, 6