IL NUOVO INSOSTITUIBILE

26.02.2021 13:00 di Dimitri Conti Twitter:    Vedi letture
IL NUOVO INSOSTITUIBILE
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

La Fiorentina è impelagata a destra della classifica ormai da inizio anno, ma in una stagione sportiva fin qui non esaltante in quanto a risultati, qualche piacevole spiraglio di luce riesce a farsi largo nel grigiore. Scritto, ribadito e confermato di un Vlahovic in forte ascesa, in grado di ripagare la fiducia totale concessagli da Prandelli, sarebbe cecità non sottolineare le ottime prestazioni recenti di Lucas Martinez Quarta. Seconda linea nei ranghi ad inizio anno, il Chino si sta facendo largo a suon di ottime prestazioni, e si sta guadagnando lo status di insostituibile presso il suo allenatore.

Sempre titolare nelle ultime quattro partite, di fatto dalla fine del calciomercato invernale il centrale argentino, che non fa della stazza e dell'arroganza i suoi punti di forza basandosi invece su ottime letture preventive, gioco d'anticipo ed educazione palla al piede, ha scalzato dall'undici titolare un altro che non stava andando affatto male come Igor, sebbene quest'ultimo sembrasse già in leggero calo negli ultimi tempi (si legga alla voce 0-2 dell'Inter al Franchi) ed escluso in toto dal ruolo un veterano quale Caceres. Non fisicato e prorompente quanto il brasiliano, ha meno l'aspetto del difensore puro e più le vesti di un educato mediano che gioca in (e dal) basso. Non per questo, però, Quarta manca di tempra: per lui parla l'atteggiamento in campo ogni partita e anche un po' l'espulsione rimediata alla terza partita in Italia. 

Martinez Quarta dovrebbe essere confermato titolare anche domenica pomeriggio, secondo le notizie che arrivano dal centro sportivo, a conferma di un ottimo recente periodo che l'ha visto stabilmente tra i migliori in campo da qualche settimana a questa parte nei giudizi del post-partita. Alla voce gol o assist, infine, è ancora fermo a zero: chissà che da Udine non riesca persino a tornare con qualcosa in tasca... Sarebbe per lui la sublimazione di un periodo di continua ascesa.