HELLAS-FIORENTINA, Precedenti, numeri ed ex

20.04.2021 13:40 di Alessandro Di Nardo   Vedi letture
HELLAS-FIORENTINA, Precedenti, numeri ed ex
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

A poche ore dal delicato confronto tra Verona e Fiorentina, presentiamo il match del Bentegodi con precedenti, statistiche e protagonisti dell’incontro:

PRECEDENTI: Quella di stasera sarà la 60° sfida in A tra le due squadre, con un bilancio che vede la Fiorentina in vantaggio con 27 vittorie, a fronte dei 18 pareggi e delle 14 vittorie del Verona. Se guardiamo solo le sfide giocate in casa dell’Hellas le cifre si riequilibrano, con 8 vittorie dei gialloblu, 8 pareggi e 13 successi viola. La Fiorentina non vince in casa del Verona dal settembre 2017, quando nel rotondo 5-0 dei ragazzi allora di Pioli andò a segno anche il compianto Davide Astori, per quello che è rimasto il suo ultimo gol con i viola.

I NUMERI DEI VIOLA: Con la sconfitta col Sassuolo  ed i contemporanei successi di Cagliari e Torino nell’ultimo turno, il margine di sicurezza dei viola si è ridotto, con gli uomini di Iachini che, a quota 30 con Toro e Benevento, sono adesso a 5 punti dal Cagliari terzultimo. La sconfitta di Sassuolo ha evidenziato il pessimo momento difensivo della Fiorentina: con i 3 gol rimediati al Mapei diventano 14 le reti subite dai viola nelle ultime 6 partite, solo il Crotone (17) ha fatto peggio nell’ultimo mese e mezzo. La gara di sabato ha mostrato anche i limiti di gioco di una squadra che, messa di fronte ad un avversario che è sembrato molto più organizzato, ha faticato ad avere continuità nel possesso: con i neroverdi infatti è arrivato il più basso dato di possesso-palla della stagione viola (27%). Iachini proverà ad invertire una periodo nero, che dal suo ritorno in panchina ha visto i viola conquistare un solo punto in 3 partite, contro una squadra che di solito gli porta bene: il Verona infatti è la squadra che ha battuto più volte in carriera (8 vittorie su 15 precedenti, l’ultima conquistata col Sassuolo nella stagione 2017/18)

L'AVVERSARIO: Se la Fiorentina non sta vivendo sicuramente un gran momento, lo stesso si può dire per il Verona di Nikola Juric: l’Hellas è la squadra che da inizio marzo in poi ha fatto meno punti in A (1 vittoria e 5 sconfitte nelle ultime 6) con il rullino che in casa è ancora più negativo: i gialloblù non vincono al Bentegodi da più di due mesi e nelle ultime 3 sfide in casa hanno perso senza riuscire a segnare. Nonostante il momento no il Verona si presenta comunque alla sfida coi viola con 11 punti e 5 posizioni più in su dei viola, frutto di un ottimo girone d’andata, con prestazioni e risultati sulla falsa-riga della straordinaria stagione passata. I veneti sono squadra ostica e compatta, difficile da battere e superare soprattutto sul piano fisico e la Fiorentina ne ha avuto un assaggio nella battaglia del Franchi all’andata; il Verona è la squadra che in A commette più falli a partita (16 di media) ma è anche quella che vince più duelli aerei in media (21.3 a gara), numeri che dimostrano il grande atletismo dei ragazzi di Juric. 

DA TENERE D’OCCHIO: Come la Fiorentina, l’Hellas predilige attaccare sul lato sinistro del campo (il 42% degli attacchi dei gialloblu vengono da quella zona di campo), sfruttando un asse formato dai suoi tre giocatori più importanti: Federico Dimarco, che con 4 gol e 3 assist è il quarto difensore per partecipazione offensiva del campionato, Darko Lazovic, autore di un gran gol su punizione nella sconfitta di sabato con la Samp e capace nelle ultime 8 partite di prendere parte a 5 marcature con 2 gol e 3 assist, e Mattia Zaccagni , 5 gol e 7 assist per l’esterno arrivato anche nel giro della nazionale, che però non partecipa ad una rete dei suoi da gennaio. Da tenere d’occhio anche Antonin Barak, che con 7 gol è il miglior marcatore dei suoi, e Kevin Lasagna, attaccante arrivato a gennaio che anche a Verona ha palesato grandi qualità in progressione ma  pure difetti in zona-gol (solo 2 reti per lui). 

EX-DELL’INCONTRO: Sofyan Amrabat sarà il grande ex dell’incontro: dopo la grande stagione di debutto in A l’anno scorso con l’Hellas, a Firenze si è solo intravisto a sprazzi quel centrocampista capace di impressionare tutti per quantità e spessore di prestazioni. Nelle fila della Fiorentina, anche Martin Caceres (14 presenze e gol nella stagione 2017/18) ha un passato con la maglia del Verona. Dall’altra parte due ex-viola che però, a causa di problemi fisici, difficilmente saranno protagonisti: Federico Ceccherini, 33 partite in 2 anni con la Fiorentina (3 anche all’inizio di questa stagione)  dopo aver saltato la trasferta di Genova dovrebbe rimanere fuori anche nella gara di stasera, mentre qualche possibilità in più la ha Nikola Kalinic,27 gol in A con la Fiorentina, con una stagione (2016/17) da 15 gol in campionato, anche lui alle prese con problemi fisici da più di due mesi. Potrebbe tornare nell'elenco dei convocati gialloblu anche Marco Benassi, passato al Verona a fine estate ma ancora falcidiato da problemi fisici.