SARRI, La fede della mia famiglia è viola: quel 3-0...

13.09.2019 12:45 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
SARRI, La fede della mia famiglia è viola: quel 3-0...

L'allenatore della Juventus Maurizio Sarri ha preso la parola oggi in conferenza stampa per introdurre i temi della sfida di domani pomeriggio al Franchi contro la Fiorentina. Ecco le sue parole: "Per un allenatore fare gli allenamenti e andar e in panchina è vita: non è facile restare fuori, ringrazio lo staff medico che mi ha coccolato per venti giorni. I tanti giocatori in rosa? Non è semplice né gratificante per un allenatore fare delle scelte che poi possono non essere condivisibili. Però alla fine fare scelte così dimostra la forza della nostra rosa. Domani Emre Can in campo? Io penso solo al campionato, da domani penseremo alla Coppa: siamo in una fase in cui la squadra deve trovare identità e organizzazione, ruotando più giocatori. L'assetto attuale non sarà quello definitivo ma è quello che può garantirci qualcosa in più: ci sono giocatori che hanno giocato poco di recente, da Khedira a Rabiot. Il gruppo sta lavorando bene. Le parole di Aurelio Virgili? Mia madre non era contenta della mia scelta di andare alla Juve... la fede della mia famiglia, lo sa bene, era tutta viola, mia nonna abitava in Piazza Alberti: io ho tanti ricordi legati allo stadio Franchi, anche se l'ultimo è quello del 3-0 con cui ho perso uno scudetto col Napoli: devo subito sostituire quel ricordo negativo a Firenze con uno positivo. Il calo contro il Napoli? Non c'è stato un calo fisico, abbiamo corso più degli altri anche nella ripresa: il calo è stato mentale anche se ammetto che non siamo al top fisicamente. Domani il mio esordio? Avevo paura 20 giorni fa quando mi sono accorto che non respiravo bene... non lo considero il mio esordio perché sono sempre stato sempre coinvolto, anche se i dottori mi hanno sempre consigliato di stare fuori: mi sono sempre sentito molto coinvolto nella preparazione delle partite. Tornare in panchina a Firenze, a 10-15 minuti da casa mia mi fa estremamente piacere".