PRESTITI, Da Diks bomber a Maleh ai playoff

10.05.2021 19:07 di Alessandro Di Nardo   Vedi letture
PRESTITI, Da Diks bomber a Maleh ai playoff
FirenzeViola.it
© foto di Federico De Luca

Tra chi ha concluso la stagione regolare con una promozione, coloro che faticano a trovare spazio e chi si riscopre finalizzatore, ecco la nostra consueta panoramica dei giocatori di proprietà della Fiorentina in prestito in altre squadre:

SERIE A: In A poco spazio per Alfred Duncan e Riccardo Saponara:il centrocampista ghanese entra a pochi minuti dal termine di un Benevento-Cagliari che, grazie alla vittoria dei sardi, avvicina alla salvezza l’ex-viola, che mercoledì ritroverà davanti quella che è stata la sua squadra fino a 4 mesi fa; anche per il fantasista dello Spezia una manciata di minuti nel finale col Napoli dove, a differenza del subentro di settimana scorsa contro il Verona, Saponara, entrato stavolta a risultato già scritto, non è riuscito ad essere incisivo.

SERIE B: Al termine della regular-season del campionato cadetto, tanti sorrisi e qualche delusione per i viola in giro per l’Italia: nella promozione dell’Empoli un ruolo da protagonisti anche per  Aleksa Terzic e Syzmon Zurkowski. Impiegati quasi sempre, spesso anche a partita in corso da mister Dionisi, i due potrebbero tornare a Firenze a giugno dopo una stagione che ha confermato i loro progressi. Vanno invece ai play-off Youssef Maleh e Gabriele Ferrarini: per il centrocampista italo-marocchino, che a giugno sarà un giocatore della Fiorentina, un’annata in crescendo dopo i problemi col Venezia che avevano portato la società a tenerlo fuori squadra per qualche settimana; negli ultimi mesi Maleh è stato un punto fermo della squadra di Zanetti e ha contributo all’ottimo campionato degli arancio-verdi con 4 gol (l’ultimo settimana scorsa nel pareggio a Pisa) e 4 assist in 29 gare; meno importante il contributo di Ferrarini (poco più del 20% di minuti giocati), chiuso nel ruolo di terzino destro da Mazzocchi, ma con un finale in crescendo (titolare in 2 delle ultime 3 partite) che fa sperare di vederlo impiegato nei play-off.

Play-off solo sfiorati da Luca Ranieri: la SPAL, che chiude alla pari di Chievo e Brescia, manca la qualificazione alla post-season per via della classifica avulsa; grande beffa per i biancoazzurri e per il difensore classe 2001, la cui stagione può essere considerata comunque positiva:  dopo un inizio difficile (sole 3 partite giocate per lui fino a metà dicembre) Ranieri nel 2021 si è preso una maglia da titolare nella difesa ferrarese, conquistandosi la fiducia di Marino prima che Rastelli poi, allenatori che lo hanno impiegato sia da centrale sinistro nella difesa a tre che da terzino sinistro. Titolare anche nell’ultima gara contro la Cremonese, Ranieri è stato sostituito da Di Francesco nel forcing finale della SPAL, che a 10 dalla fine ha trovato il gol della vittoria, 1-0 vanificato dai successi di Brescia e Chievo.

Nonostante nella sconfitta della sua Reggina col Frosinone (0-4 per i ciociari) non sia stato impeccabile, è da promuovere anche Christian Dalle Mura, al debutto tra i professionisti nello scorcio di stagione in Calabria e capace comunque di racimolare 9 presenze (5  da titolare, 4 da subentrato) quasi tutte prove ampiamente sufficienti. Annata no per il Vicenza, arrivato dodicesimo, e Gabriel Gori, attaccante classe ’99 prodotto delle giovanili viola che, dopo aver fatto intravedere buoni colpi nei primi mesi in biancorosso, si è arenato nella seconda parte di stagione: 3 gol e 3 assist in 27 partite quest’anno, col suo impiego che è andato man mano riducendosi nel corso del tempo. Nell’ultima di campionato Gori ha incrociato un suo ex-compagno ai tempi della primavera viola, Michele Cerofolini: anche per il ventiduenne portiere una stagione decisamente negativa, partita con grandi speranze, arenatasi dopo un infortunio che gli ha fatto perdere la maglia da titolare  e terminata col ritorno dal primo minuto, avvenuto dopo più di 3 mesi nella partita col Vicenza, che ha coinciso con la retrocessione della sua Reggiana, sconfitta per 2-1 dai biancorossi.

ESTERO: Guardando fuori dai nostri confini, l’exploit degli ultimi giorni è targato Kevin Diks: il difensore olandese è stato infatti gran protagonista della settimana, iniziata con una doppietta nella sconfitta del suo Aahrus contro il Copenaghen e terminata col gol vittoria nel successo di misura contro il Randers. Tre gol in sei giorni per l’esterno che in settimana ha anche parlato del suo arrivo nel 2016 a Firenze e che in Danimarca sta trovando continuità in presenze (27) e reti (già 7), le ultime tre arrivate tutte da calcio d’angolo (due di testa ed uno, il secondo col Copenaghen, con una spettacolare girata volante in mischia).

In Francia, cade il Marsiglia di Pol Lirola: nella sconfitta di misura contro il Saint-Etienne il numero 29 dell’OM colleziona l’undicesima partita di fila da titolare (da quando c’è Sanpaoli sulla panchina dei marsigliesi il laterale spagnolo non ha ancora saltato un minuto in campionato) ma risulta poco incisivo sulla corsia di destra in una partita decisa da un gol di Nordin a fine primo tempo. Spostandoci in Repubblica Ceca, finale di stagione in crescendo per David Hancko: lo slovacco classe ’97 nella vittoria dello Sparta Praga contro il Banik Ostrava stacca la quarta presenza da titolare consecutiva, dimostrando di aver risolto i problemi fisici degli ultimi mesi e di poter essere affidabile anche nel ruolo di difensore centrale oltre che in quello di terzino sinistro. In Olanda, rientro amaro per Rasmussen: il centrale danese torna in campo col Vitesse dopo la squalifica rimediata in finale di Coppa d’Olanda, 90 minuti macchiati da qualche errore di troppo che concorrono al k.o per 3-0 dei gialloneri sul campo dello Sparta Rotterdam

Chiudiamo con un’altra buona notizia: nelle partite di questa settimana contro Sion e Zurigo si è rivisto per una manciata di minuti Rafik Zekhnini: l’esterno norvegese era out da quasi quattro mesi per un problema fisico in una stagione in generale falcidiata dagli infortuni (12 presenze per lui quest’anno con la maglia del Losanna, di cui solo 7 da titolare).