SCONCERTI, Chiesa sta stretto alla Viola. De Paul...

30.09.2020 22:20 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
SCONCERTI, Chiesa sta stretto alla Viola. De Paul...

Il direttore Mario Sconcerti è intervenuto ai microfoni di TMW Radio, nel corso della trasmissione Stadio Aperto.

Lei Chiesa lo sostituirebbe con Callejon e uno tra Piatek e De Paul?
"Io prenderei De Paul, e non darei assolutamente via Vlahovic. Inutile avere i ragazzi, se quando cominciano a poter essere buoni li diamo via, e per di più ad una concorrente diretta rischierebbe di essere il nostro rimpianto per i prossimi quindici anni. Non sono per Piatek, ma per gente che sappia giocare al calcio: con questi alle spalle, possono rendere al meglio anche i vari attaccanti come Cutrone, che potrebbe essere il centravanti".

Con De Paul andrebbe cambiato modulo però, no?
"Metterei De Paul al centro, Amrabat e Castrovilli sulle mezzali, con Bonaventura al posto di Chiesa e il centravanti lo scelga pure Iachini. Una squadra così, tutta gente che sa giocare il pallone: così saprai tenerlo molto di più e potrai costruire situazioni pericolose in area".

Più le cose positive o i possibili rimpianti per descrivere la storia di Chiesa nella Fiorentina?
"Dopo quattro anni e poco più di 100 partite può andare, può bastare: non avrà fatto più di tre cose importanti nella singola partita, ma quasi sempre sono state le più importanti. Un giocatore che chiaramente da noi stava stretto".

Nella Juventus come lo vede?
"Va visto, ci sono tanti giocatori che poi rimangono prigionieri degli ingaggi. Se non sei all'altezza, quello ti tiene fermo, riserva in quella squadra con le altre che non possono permetterselo. Ad esempio è il caso di Bernardeschi, di Rugani, di Rabiot... I soldi li prendi, ma non giochi mai. Conte è un altro dei prigionieri del suo ingaggio: sbraita e dice qualsiasi cosa voglia perché sa che non lo possono cacciare".


Mario Sconcerti, prima firma del giornalismo itlaliano ai microfoni di Francesco Benvenuti e Niccolò Ceccarini