CONTROPARTITE PER LO STAFF DI ITALIANO: LA CARTA È FERRARINI

28.06.2021 16:30 di Dimitri Conti Twitter:    vedi letture
CONTROPARTITE PER LO STAFF DI ITALIANO: LA CARTA È FERRARINI
FirenzeViola.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Se Vincenzo Italiano più che avvicinarsi a grandi passi alla Fiorentina ormai si limita a contare il tempo rimanente per poter vestire i nuovi panni calcistici, lo stesso non si può dire ancora per lo staff che dovrebbe seguirlo a Firenze. Quello è, ed è stato, il principale fronte di trattativa tra Fiorentina e Spezia in questi giorni, un capitolo che rischia di andare oltre l'annuncio stesso del nuovo allenatore. Certamente non è nell'interesse di nessuno, dei liguri in primis, arrivare a un muro-contro-muro: spazio quindi alle contrattazioni, con la possibilità sempre più concreta di una sorta di "baratto" con un calciatore (o due, a seconda della portata) ai liguri in cambio dello staff di Italiano. Sì, ma chi?

Le primissime indiscrezioni raccontavano di Luca Ranieri e Riccardo Saponara, due nomi però per motivi diversi usciti quasi subito dalle discussioni. Il primo è un prospetto su cui la Fiorentina (col placet del nuovo tecnico) intende puntare anche in ottica futura, discorso simile per il secondo: l'esperto fantasista, quando è stato disponibile, è stato tra i rigenerati di Italiano. Anche dal punto di vista ligure, poi, sono preferibili profili più giovani. Come quelli emersi in queste ore. Il primo è stato quello di Tofol Montiel, costantemente aggregato alla prima squadra ma di fatto mai utilizzato, anche se non ci risultano ancora movimenti sul profilo dello spagnolo classe 2000. Un altro profilo che circola è Christian Dalle Mura, centrale del 2002 che ha ben figurato in prestito alla Reggina e che i calabresi riprenderebbero volentieri. La priorità, nel caso di interesse concreto, andrebbe però ovviamente allo Spezia.

Un profilo da prendere in seria considerazione, secondo quanto raccolto, è Gabriele Ferrarini. Il terzino classe 2000, che ha contribuito al ritorno del Venezia in massima serie nella passata stagione, d'altronde è nativo proprio di La Spezia e potrebbe far comodo alle Aquile sia per la sua versatilità che in ottica di andare a riempire l'eventuale vuoto che rischia di lasciare l'addio allo spagnolo Ferrer, ormai da tempo corteggiato da tante realtà italiane e non solo. Ferrarini ha peraltro una parentela speciale legata allo Spezia, essendo pronipote dei fratelli Persia (Sergio il bisnonno e Wando il prozio), due storici calciatori spezzini del secondo dopoguerra. Il club ligure lo segue già da un po' di tempo: che sia lui il prescelto per poter arrivare allo staff di Italiano? Ad oggi è senza dubbio lui in pole position.