VLAHOVIC E MERCATO, UN ALTRO STRISCIONE UN ANNO DOPO. E LA MEDIA TIFO È DA EUROPA

25.01.2023 10:00 di Samuele Nenti Twitter:    vedi letture
foto FUORI DAL CORO
foto FUORI DAL CORO

Nella nottata la tifoseria viola ha cominciato, dopo i fischi della partita contro il Torino, ad esporre per iscritto le prime considerazioni. Lo striscione affisso ai cancelli del Franchi sa di contestazione verso i dirigenti viola (il tutto conducibile al calciomercato) ma non verso Rocco Commisso. A distanza di un anno, esattamente 365 giorni fa, la stessa Curva Fiesole espose uno striscione contro Vlahovic, prossimo a passare alla Juventus.

Una situazione totalmente stravolta a distanza di un anno, dove la Fiorentina era in piena corsa Europa, ma che, a livello di dati, non ha cambiato i numeri sui tifosi gigliati. Tirando le somme sull’andamento del pubblico viola, in casa, le cifre sono altissime, quasi da record. Infatti, quest’anno, lo Stadio Artemio Franchi in poche occasioni è sceso sotto le 30000 presenze (Salernitana, Sassuolo e Torino le eccezioni). Un bilancio complessivo che porta la media spettatori del Franchi, questa stagione in Serie A, a quota 32.028. Il record stagionale è stato registrato contro l’Inter (36.699 spettatori). Mentre per quanto riguarda le varie competizioni, Conference League in primis, le presenze sono più basse ma giustificabile visti gli orari e i giorni nei quali le partite, fin qui, sono state giocate. Guardando altri numeri, collegando l’aspetto sportivo, la Fiorentina in casa ha ottenuto 15 punti sui 23 totali.

Le cifre dei tifosi viola si sono confermati da Europa, mentre la Fiorentina ha chiuso ufficialmente all’undicesimo posto in classifica, con 23 punti raccolti in 19 giornate, il proprio girone d’andata. Un risultato al di sotto delle aspettative iniziali, che porta la squadra di Vincenzo Italiano sotto l’Empoli, il Torino e l’Udinese. Ciò però, nonostante i fischi e le critiche recenti, non sembra aver condizionato i tifosi viola, che quest’anno, fino ad adesso, hanno risposto sempre presente. Non a caso, come già analizzato da FirenzeViola.it nei mesi precedenti, numeri così importanti si vedevano, per esempio, quando a guidare la Fiorentina c’era un certo Gabriel Omar Batistuta.