CONTE, Fiduciosi di allentare misure prima 31/7

24.03.2020 18:45 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Samantha Zucchi/Insidefoto/Image
CONTE, Fiduciosi di allentare misure prima 31/7

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa in diretta Facebook ha aggiornato gli italiani su quanto deciso dal Consiglio dei Ministri. Queste le sue parole: "Il decreto legge riordina la disciplina dei provvedimenti che stiamo adottando in questa situazione emergenziale. Sin dall'inizio abbiamo adottato un decreto legge che successivamente con i vari DPCM ha reso possibile adottare provvedimenti sull'andamento epidemiologico del Covid-19. Con questo nuovo decreto legge abbiamo regolamentato i rapporti tra questa attività del governo e il Parlamento. Altri due ulteriori aspetti significativi sono questi: il primo è che i presidenti delle regioni autonome possano adottare misure restrittive anche più severe, ma rimane la funzione di coordinamento e di omogeneità agli interventi del governo. Infine è previsto a livello sanzionatorio ovvero il pagamento che va da 400 euro a 3.000 euro. Alla contravvenzione attualmente prevista si sostituisce questa multa. Sono soddisfatto ed orgoglioso della reazione che stanno avendo i cittadini italiani nel rispettare le prescrizioni, le forze dell'ordine stanno facendo un attento monitoraggio, ma devo dire che la stragrande maggioranza dei cittadini si sta conformando a queste nuove abitudini di vita. Tutti ne dobbiamo essere orgogliosi, ciascuno deve fare la propria parte per poter vincere e rialzarsi nel minor tempo possibile. Non si mette in sicurezza solo i propri cari, ma tutta la Nazione. Da questa mattina assisto in debita diffusione ad una bozza quindi non tenete conto di quella pubblicata però vorrei precisare sul dibattito che l'emergenza si sarebbe prorogata fino al 31 luglio: nulla di vero. A fine gennaio abbiamo deliberato lo stato di emergenza nazionale, un attimo dopo che l'OMS ha dichiarato il Coronavirus come pandemia. L'emergenza nazionale è per 6 mesi, ma questo non significa che le misure restrittive saranno prorogate fino al 31 luglio 2020, ma siamo pronti per allentarne la mossa e superarle in qualsiasi momento. Siamo confidenti di poter ad un migliore stile di vita ben prima di quella data. Ognuno di noi sta riflettendo su quello che ha fatto, sul proprio stile di vita e sulla propria scala di valori. Oggi abbiamo più tempo per riflettere e ne approfitteremo. L'Italia non ha mai avuto un'emergenza del genere, quindi nessuno ha una soluzione che vada bene a tutti, stiamo cercando di fare degli accorgimenti. Ad oggi abbiamo riconvertito 78 ospedali a ospedali Covid e abbiamo fatto crescere da 5343 a 8370 le unità di terapia intensiva. Utilizzeremo l'esercito e già lo stiamo facendo, ma volevo dire che il lavoro delle forze dell'ordine è un grande lavoro, i cittadini non devono pensare che la tenuta dell'ordine pubblico deve essere affidata ad un'immagine di militarizzazione dei centri abitati. Già adesso il controllo dell'ordine pubblico avviene in modo efficace.".