UN AFFARE TRA FIORENTINI

22.05.2019 19:30 di Dimitri Conti Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
UN AFFARE TRA FIORENTINI

Di base si può dire che il pericolosissimo incrocio del prossimo weekend di Serie A, quello che vede coinvolte sia la lotta Champions che quella per non retrocedere, sia un affare tra toscani. Anzi, proprio tra fiorentini se si vuol essere puntigliosi, sul campanilistico quasi sfrenato. Tutte e quattro le squadre impegnate nelle due partite che prendiamo qui in esame (Fiorentina-Genoa, ovviamente, ed Inter-Empoli) avranno come protagonisti quattro attori legati a doppio filo con Firenze e la Fiorentina.

In primis ci sono appunto i viola stessi, che hanno l'obbligo di non perdere domenica, per evitare brutti pensieri, calcoli e attimi - e per i più pessimisti rischiano di diventare mesi - di angoscia. Di fronte si troverà una squadra, il Genoa, guidata da un uomo della golden age della Fiorentina targata Della Valle. È Cesare Prandelli, con il quale - e solo con lui - la Fiorentina è arrivata ad assaporare i palcoscenici della Champions League. Se non bastasse, anche fiorentino vero, acquisito nel tempo. Per entrambe, un po' più per i liguri a dir la verità, già dallo start l'obiettivo deve essere la vittoria, senza stare a fare troppi calcoli, nonostante un pareggio - potenzialmente - potrebbe persino soddisfare entrambe. Dipende molto anche dall'esito dell'altro campo incriminato.

L'augurio, quasi inconscio, di entrambe è che i cugini, sfumati dal viola all'azzurro, dell'Empoli non costringano il Franchi a diventare campo principale per decidere le sorti della permanenza nella massima categoria. In quanto a valori assoluti potrebbe sembrare non esserci partita tra Inter ed Empoli, specie se il palcoscenico è San Siro, ma non è un caso se tutti gli addetti ai lavori richiamano alla cautela, e qualche commentatore vede addirittura i toscani favoriti. Sulla panchina dei nerazzurri, poi, siede Luciano Spalletti, uomo di Certaldo - meno di 50 km da Firenze - con ogni probabilità all'ultima panchina con l'Inter. Oltre ai suoi tifosi ve ne saranno probabilmente anche altri a fare il tifo per un addio con vittoria. Dal punto di vista gigliato basterebbe pure un pari... Anche se il concetto, e probabilmente sarà chiarito in conferenza stampa - se dovesse parlare Montella, in attesa poi di capire se potrà allenare o meno (QUI la notizia del ricorso presentato dai viola) - è che ora è davvero vietato fare calcoli.