CACERES A PICCOLI PASSI: LA PROSSIMA SETTIMANA DECISIVA

24.05.2020 19:00 di Andrea Giannattasio Twitter:    Vedi letture
CACERES A PICCOLI PASSI: LA PROSSIMA SETTIMANA DECISIVA

Tutta una questione di tampone. Ne sa qualcosa Martin Caceres, l’unico in casa Fiorentina ancora positivo al Covid-19, che nonostante gli evidenti progressi sotto il profilo dello stato di salute ancora non può dirsi definitivamente guarito e aspetta con ansia le prossime ore (forse già oggi) per avere qualche risposta positiva e per lasciarsi alle spalle una malattia che gli fa compagnia da quasi settanta giorni. La notizia più importante che riguarda l’uruguagio è che la carica virale che non gli ha permesso fino ad oggi di allenarsi come i suoi compagni è sempre stata bassa. Al punto tale che la Fiorentina, in attesa che l’ex Juve riceva due risposte negative da altrettanti tamponi fatti a distanza di 48 ore e possa poi sottoporsi alle visite mediche di idoneità (con particolare attenzione a cuore e polmoni), ha permesso al giocatore di allenarsi da casa con una serie di sedute specifiche. Un lavoro certamente più blando rispetto a quello che stanno facendo Pezzella e compagni al centro sportivo (Caceres ancora non ha rivisto il pallone) ma che gli potrebbe consentire ugualmente una volta guarito di raggiungere lo stato fisico dei compagni nel giro di non molto tempo.

La giornata giusta per rivedere Caceres al centro sportivo potrebbe dunque essere martedì, al più tardi il giorno dopo: se il test sierologico e il secondo tampone a cui si sottoporrà il giocatore daranno un responso soddisfacente, il “pelado” potrà infatti tornare a varcare la soglia dei campini già all’inizio della prossima settimana. Da quel momento lo attendono 10-15 giorni di sedute personalizzate (le prime vere e proprie sul terreno di gioco e con l’amico pallone, senza però contatto ravvicinato coi compagni di squadra) prima del definitivo ritorno in gruppo, se non ci saranno ulteriori complicazioni, con tanto di contrasti e di partitelle. Calendario alla mano, tuttavia, resta difficile pensare che per la ripresa del campionato (in programma per il 13 o al più tardi il 20 di giugno) Caceres possa essere a disposizione per partire dal 1’: in attesa di capire cosa emergerà dalla tavola rotonda di giovedì 28 con Federazione, Lega e Ministero dello Sport, il tempo che separa la Fiorentina dal ritorno in campo non dà grosse garanzie sulla possibilità che il centrale possa essere fisicamente al top, motivo per il quale Iachini - che potrà tuttavia contare fin dal Brescia su Ribery e gli ex positivi al Covid-19 - dovrà inventarsi qualcosa per la sua retroguardia. Igor è in pole position.