RIBERY, Deriso in Francia, amato al Bayern. In viola...

14.09.2019 10:15 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
© foto di Federico De Luca
RIBERY, Deriso in Francia, amato al Bayern. In viola...

Franck Ribery è il protagonista della rubrica della Gazzetta dello Sport "I ritratti di Condò" di questa mattina, dal titolo: "Deriso in Francia, amato al Bayern. Presto Franck sarà re a Firenze". 

La vita bavarese - Quando in estate ha salutato il Bayern dopo anni di militanza gli hanno organizzato una festa da brividi. "Uli Hoeness è scoppiato a piangere più volte" perché il francese era diventato quasi come un figlio. Rummenigge, altra bandiera di lungo corso, ha ricordato quando nel 2010, a un passo dal dire sì al Real Madrid, Ribery si presentò a pranzo con la moglie per confermare la decisione salvo poi tornare sui suoi passi a fine pasto: "Non me la sento più di lasciare il Bayern". E così andarono avanti e con Robben conquistarono la vittoria della Champions nel 2013. Il numero 7 a fine carriera ha già deciso che farà ritorno in Baviera. La Francia, per esempio, non è stata neanche nominata in tal senso. 

Gli screzi francesi - Se in Germania è da sempre rispettato da tutti, non si può dire lo stesso in Francia. A partire dal 2010, quando fu individuato come uno dei principali ammutinati in Nazionale nella disfatta sudafricana, gli occhi dei media francesi nei suoi confronti non sono mai stati sereni. Anche la rivolta delle Banlieue, arrivata anni dopo, scoppiata nei quartieri dove è cresciuto lontano dai fasti della Parigi bene, lo hanno allontanato ancora dalla ribalta transalpina. Quando nel 2014 lasciò la Nazionale, furono in pochi a rimpiangerlo. 

Ora Firenze lo aspetta e lui ha voglia di diventarne il re, conquistando la fiducia dei fiorentini come ha fatto con i tifosi bavaresi. Le doti non mancano, da oggi inizia una nuova storia con i fiorentini che non vedono l'ora di innamorarsi di lui.