REBUS PIOLI, Le ragioni dei due partiti dentro l'Inter

 di Redazione FV Twitter:   articolo letto 1205 volte
Fonte: La Gazzetta dello Sport
© foto di www.imagephotoagency.it
REBUS PIOLI, Le ragioni dei due partiti dentro l'Inter

Stefano Pioli divide le opinioni in casa Inter, tra chi lo boccia e chi invece resta del partito della conferma in nerazzurro. Nel primo caso sono 3 i punti evidenziati:

- Inaccettabile l’ultimo mese dell’Inter, due punti in quattro partite di campionato, clamorosi passi indietro per quanto riguarda classifica, gioco e personalità. 
- Falliti praticamente tutti gli scontri diretti con le grandi storiche o dirette concorrenti alla zona Champions League. Senza dimenticare l’eliminazione in Coppa Italia contro la Lazio, nonostante il vantaggio della gara secca a San Siro.
- A proposito di Champions League, con Pioli in panchina il distacco dal terzo posto è passato da -8 (c’era allora il Milan a occupare l’ultima piazza utile per l’Europa che conta) a -14 (Napoli 70 punti, Inter 56).

Questi invece i motivi a favore di Pioli:

- Pioli ha ereditato una situazione complicatissima, figlia dell’addio di Mancini a inizio agosto e dell’azzardata scelta di De Boer. 
- Nelle 20 giornate con Pioli in panchina, l’Inter è comunque quarta, e prima del black out dell’ultimo mese stava viaggiando in media Champions.
- Rivalutata buona parte della rosa, su tutti Kondogbia, pagato 40 milioni di euro nell’estate del 2015 e finito praticamente nel dimenticatoio durante l’era De Boer. Riportati poi a un buon livello gli stessi Brozovic e Murillo. Da evidenziare, infine, il coraggio di aver subito consegnato a Gagliardini le chiavi del centrocampo nerazzurro.