PRANDELLI, Rifiutai Juve ma DDV mi chiamò traditore

25.03.2019 08:20 di Redazione FV Twitter:   articolo letto 5972 volte
Fonte: Corriere dello Sport
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
PRANDELLI, Rifiutai Juve ma DDV mi chiamò traditore

L'attuale tecnico del Genoa Cesare Prandelli ha rilasciato un'intervista al Corriere dello Sport, in cui si sofferma anche sul suo trascorso a Firenze: "Inizialmente ho fatto fatica a comprendere lo spirito fiorentino, poi però è nato un grande rapporto. La generosità di questa gente è enorme e non dimenticherò mai l'affetto che ho ricevuto dopo la scomparsa di Manuela. L'addio alla Fiorentina? Chiariamo subito che sono stato lasciato. Io sarei voluto rimanere in viola per portare un trofeo, ma la società mi disse che aveva fretta di tesserare Mihajlovic. Dunque ero libero di cercarmi una nuova squadra. La Juventus mi voleva, ma telefonai a Bettega per rifiutare: amavo troppo la Fiorentina. Poi, poco dopo, lessi che Diego Della Valle mi aveva dato del traditore perché volevo andare alla Juve...".