COMMISSO, Ferragamo o Gucci sponsor? Non male

13.09.2019 12:00 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: La Stampa
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
COMMISSO, Ferragamo o Gucci sponsor? Non male

Rocco Commisso, patron della Fiorentina, ha rilasciato un'intervista al giornale La Stampa. Questo quello che scrive il quotidiano alla vigilia di Fiorentina-Juventus e la sue parole:

Sulla partita di domani: "Un match campale, sotto molti punti di vista, emotivi, sportivi, etici... La Juventus è la squadra campione, perché mi tornano in mente Sivori, Charles, Boniperti, Nicolé, giocatori che adoravo, perché voglio che sul piano etico non si ripetano insulti inaccettabili, detto questo so che faremo di tutto per vincere, saremo a Firenze, in casa, e sono sicuro che la squadra e i tifosi lanceranno il cuore oltre l'ostacolo".

Su cosa dovrebbe l'Europa e l'Italia imparare dall'America: "Il fair play. Non posso accettare parole di odio, insulti contro gli avversari da parte dei tifosi. Io sono cresciuto nella terra della trasparenza, delle opportunità, sono un testimone e un esempio del fatto che chi lavora duro coglie dei risultati. E il valore sportivo è il primo valore morale. La discriminazione, la violenza verbale, i cori razzisti non fanno parte del mio vocabolario. Sottolineo che il problema riguarda altre tifoserie e altre squadre anche internazionali. Ma mi prendo la responsabilità per i miei tifosi e quelle minoranze che si permettono di insultare la memoria di Scirea o delle vittime dell'Heysel sono tifosi non mi appartengono. E chiedo scusa, come ho fatto con la moglie di Scirea".

Sul fatto che qualcuno dice che avrebbe potuto fare qualche acquisto più importante: "Come? Sa benissimo che ci sono limiti a quanto può perdere un club, non più di trenta milioni in tre anni. Questo è sbagliato perché si dovrebbe poter lasciare investire in una squadra che oggi è svantaggiata... Lei sa che la Juventus paga i sui giocatori circa 300 milioni di euro all'anno, i nostri li paghiamo circa 50. Una differenza che da sola la dice tutta. Detto questo abbiamo già fatto molto, abbiamo cambiato 8 giocatori, cerco di rilanciare il gioco e di creare uno spirito di squadra compatto".

Sul percorso economico programmato per rilanciare la squadra: "Per prima cosa facciamo lo stadio. Ci vorranno due o tre anni? Va bene. Se ne servono dieci non va più bene. Chiedo alle parti in causa di aiutarci perché è nell'interesse di tutti, della città, dei giocatori, della squadra, dei tifosi. Per cortesia, andiamo avanti...".

Sulla sponsorship: "La Juventus ha appena chiuso un accordo per le maglie da 50 milioni con la Jeep, un'azienda FCA. E va benissimo perché le maglie della Fiorentina le sponsorizzo con la mia Mediacom, ci credo e dà lustro al nostro marchio. Ma se qualche fiorentino si facesse sotto, che so, Gucci o Ferragamo, per mettere il marchio sulla nostra maglia non sarebbe male".