PRADÈ FRENA SUL MERCATO, MA IN ATTACCO I GIOCHI NON SONO FATTI

11.09.2020 00:00 di Tommaso Loreto Twitter:    Vedi letture
PRADÈ FRENA SUL MERCATO, MA IN ATTACCO I GIOCHI NON SONO FATTI

Difficile crederci pienamente mentre il mercato è in pieno svolgimento, ma intanto l’intervento in conferenza di ieri di Pradè fa luce su quanto deciso e su quanto potrà essere fatto da qui alla chiusura delle trattative, anche in virtù del tanto atteso arrivo in città di Rocco Commisso. Il diesse ha risposto a tutte le domande del caso, il più delle volte smonta ipotesi rimbalzate sulla stampa, ogni tanto celebra il valore degli obiettivi in questione (emblematica in tal senso la risposta su Torreira) e conferma come inizialmente sia il 352 il modulo con il quale la Fiorentina comincerà il suo campionato. 

C’è chiaramente (anche) pretattica nelle parole del dirigente, non potrebbe essere altrimenti, eppure almeno per quanto riguarda il centrocampo potrebbe esser stato il più sincero possibile. Dopo un lungo inseguimento adesso la Fiorentina appare meno convinta della pista Torreira, e una volta completata la cessione di Benassi al Verona l’inserimento di Borja Valero pare destinato a esaurire i posti in mezzo al campo. Operazione che ha diviso, quella del ritorno dello spagnolo, eppure se il calciatore ha dimostrato a Milano di poter ancora dire la propria l’uomo non è in discussione, e il suo inserimento in spogliatoio non può che essere un valore aggiunto. 

Molto diverso, per tutta una serie di motivi, il discorso relativo all’attacco. Di tutte le situazioni quella relativa a Chiesa resta la più ingarbugliata, a questo punto solo un nuovo summit con Commisso può tracciare nuove strade da percorrere. Se è vero che fino a ora nessuno si è fatto vivo con un’offerta concreta (ed è assai probabile sia così a giudicare dalla crisi economica che ha investito anche il calcio) è altrettanto chiaro che un accordo sul rinnovo, nel caso di permanenza, sia da raggiungere. Dovesse invece partire Chiesa ecco che gli scenari della fine del mercato potrebbero ribaltarsi, riportando la Fiorentina in cerca di un attaccante

Se in tanti saranno rimasti delusi dalle frenate del diesse c’è da credere che di fronte a determinate occasioni, magari oggi imprevedibili, Commisso e la Fiorentina abbiano voglia di rinfocolare un entusiasmo per il momento contenuto. E’ logico attendersi un rientro importante nel caso in cui Chiesa e i viola si separassero, ed è anche grazie a quella disponibilità economica (o alle contropartite che potrebbero arrivare) che il volto finale della Fiorentina potrebbe essere comunque diverso da quello attuale. Perché nelle logiche del mercato Pradè ha fatto benissimo a tirare il freno a mano, tra poco più di una settimana la squadra di Iachini comincia il suo cammino in campionato, ma prima di ritrovarsi sul rettilineo finale del calciomercato c’è ancora un sacco di tempo. 
 

Tommaso Loreto - Direttore www.firenzeviola.it