PIOLI TIENE TUTTI SULLA CORDA. C’E’ ARIA DI CAMBIAMENTO. EDIMILSON FAVORITO SU GERSON. MIRALLAS METTE LA FRECCIA

27.10.2018 00:01 di Mario Tenerani  articolo letto 6168 volte
PIOLI TIENE TUTTI SULLA CORDA. C’E’ ARIA DI CAMBIAMENTO. EDIMILSON FAVORITO SU GERSON. MIRALLAS METTE LA FRECCIA

Il Torino vale un motivo in più per essere affrontato, i viola non hanno ancora vinto in trasferta. Le ragioni? Avversari superiori, un po’ di sfortuna, qualche errore di gioventù e un punto, guarda caso, preso a Genova in casa della Samp, che vale più o meno la Fiorentina. Il Torino è nel solco, altra squadra che punta i medesimi obiettivi dei viola e che viaggia tra alti e bassi. La Fiorentina, però, fino ad oggi ha viaggiato sul treno della regolarità.

La classifica dei viola non giustifica nessun tipo di allarme, ma l’andamento delle ultime tre gare può suggerire qualche piccola apprensione. Soprattutto per quei giocatori un po’ sottotono o sottotraccia. E allora Pioli può pensare di fermare qualcuno mandandolo in panchina. Oltre a immaginare, per sua stessa ammissione, a qualche innovazione tattica, utilizzando in modo diverso alcuni giocatori. Gli esempi di Veretout e Milenkovic sono una bella carta di credito per Pioli. Erano già molto bravi un anno fa, adesso in una posizione lo sono ancora di più. Se Pioli è sicuro di ottenere i medesimi risultati riproducendo la stessa operazione su altri soggetti, aspettiamo fiduciosi. 

Intanto a Torino, nella logica dei jolly ormai finiti, potrebbe uscire Gerson. Il brasiliano fino ad ora ha deluso perché da uno come lui si pretende tanto di più. Edimilson è in vantaggio, almeno è più continuo. Al rientro Benassi, grande ex della sfida, accompagnato da Veretout, pilastro a protezione della difesa. Anche in attacco ci potrebbero essere sorprese: Pjaca non più sicuro come prima del posto, le sue prestazioni sono state molto al di sotto delle sue possibilità. Mirallas sta mettendo la freccia, ha voglia di sorpassare. Senza dimenticare che Pioli in quel ruolo ha sempre stimato anche Eysseric.  Fiorentina a Torino per provarci, serve un risultato che aumento l’autostima.