MERCATO DALLE LUNGHE ATTESE: UN COLPO PERÒ SERVIREBBE. TORREIRA POTREBBE ESSERE IL PRIMO. C’È UN VALZER DI CENTRAVANTI

31.08.2020 00:00 di Mario Tenerani   Vedi letture
© foto di Giacomo Falsini
MERCATO DALLE LUNGHE ATTESE: UN COLPO PERÒ SERVIREBBE. TORREIRA POTREBBE ESSERE IL PRIMO. C’È UN VALZER DI CENTRAVANTI

C’è un mercato dalle lunghe attese. Sono quelle che sfiancano i tifosi, ma così è se vi pare. Francamente se guardiamo in giro di affari fino ad ora ce ne sono stati pochissimi. Molte chiacchiere, alcuni sondaggi, ma poi tanta plastica. La Fiorentina studia le manovre per potare la rosa e contestualmente monitora i propri obiettivi. Una lente di ingrandimento su attacco e mediana. 

In avanti potrebbe essere interessante la prima mossa del valzer dei numeri 9: Dzeko in uscita dalla Roma per finire da Pirlo a Torino, mentre Milik che pareva ad un passo dalla Juventus, adesso forse finirà nella Capitale al posto del centravanti bosniaco. Come un effetto domino. Se si verificheranno queste operazioni, si muoverà di conseguenza tutto il mercato degli attaccanti più importanti. 

E la Fiorentina? Rientra in qualche modo nel valzer perché si rende conto di quello che fanno gli altri e se si liberano prede fino a quel momento magari impensabili. Non sono pochi coloro che spingono per il super colpo Higuain che sicuramente lascerà la Juventus. Restano due punti da chiarire per avere contezza maggiore della vicenda. Primo: l’argentino sarebbe contento di venire alla Fiorentina? Secondo: chi pagherebbe l’ingaggio che si aggira sui 7,5 milioni netti a stagione? Domande che debbono essere formulate quando ci si avvicina a calibri di questa portata. 

Piatek rimane lì a portata di mano, ma la sensazione è che i dirigenti viola cerchino qualcosa di meglio. Lodevole iniziativa, ma dovranno essere pronti ad investire capitali ingenti sul centravanti. Del resto non sembrano materializzarsi alternative: il nodo della punta centrale rimane estremamente attuale e, sia chiaro, di non facile soluzione. Per questa ragione e anche per un calendario che prevederà molti incontri infrasettimanali, la società in accordo con Iachini ha deciso per ora di non far partire attaccanti. Resterà Vlahovic e probabilmente anche Cutrone. Si cerca invece di piazzare Boateng. Davanti serve turnazione pesante. 

Il mercato delle lunghe attese potrebbe però essere squarciato dall’annuncio dell’arrivo di Torreira: sarebbe bello e soprattutto un’iniezione per il morale dell’ambiente. Non solo per la valenza del giocatore, affare sui 25 milioni, ma anche per il segnale da inviare al calcio italiano in generale. Un messaggio anche per la tifoseria viola che si aspetta, naturalmente, una campagna rafforzamenti adeguata. Centravanti e regista, a patto che siano di qualità, potrebbero bastare per una prima fuga in avanti. Poi ci sarebbero delle manovre di aggiustamento, ma la base sarebbe rappresentata da quei due ruoli blindati. Aspettiamo, dunque, consapevoli che sarà un mercato lungo. Finirà il 5 ottobre…