JACOBELLI A FV, COMMISSO NON VUOLE CEDERE MILENKOVIC. MILAN SU CHIESA, MA DIPENDE TUTTO DAL GIOCATORE. CENTROCAMPO: C'È L'IDEA FOFANA E PER TORREIRA SI AFFIEVOLISCE LA CONCORRENZA DEL TORINO

14.08.2020 00:00 di Redazione FV Twitter:    Vedi letture
Fonte: Xavier Jacobelli per FirenzeViola.it
JACOBELLI A FV, COMMISSO NON VUOLE CEDERE MILENKOVIC. MILAN SU CHIESA, MA DIPENDE TUTTO DAL GIOCATORE. CENTROCAMPO: C'È L'IDEA FOFANA E PER TORREIRA SI AFFIEVOLISCE LA CONCORRENZA DEL TORINO

Eccezionalmente ospitiamo l'opinione del direttore di Tuttosport, Xavier Jacobelli, il quale fa il punto sulle tematiche di mercato più calde in casa Fiorentina, a cominciare dal reparto offensivo.

Direttore, la Fiorentina sta lavorando su un attaccante. Qual è la situazione di Belotti? 
"È stato ripetutamente dichiarato incedibile dal presidente granata Cairo, quindi mi meraviglierei se cambiasse opinione. I rapporti con i tifosi, inoltre, diventerebbero molto tesi perché Belotti è il simbolo del Torino".

Le alternative sono Mandzukic e Piatek: su chi puntare?
"Intanto mi risulta che l'ex Juventus non veda l'ora di tornare a giocare in Italia dopo un'esperienza all'Al-Duhail che non l'ha soddisfatto. Ha 34 anni e certamente a Firenze porterebbe classe ed esperienza internazionale. Ha anche ottimi rapporti con Ribery. Per Piatek il discorso è diverso, poiché l'attaccante ha avuto due fasi: una esaltante al Genoa e una meno felice al Milan, proseguita poi all'Hertha Berlino. Casomai andrebbe comprato dai tedeschi, i quali non penso lo cederanno così senza colpo ferire. Quindi nell'insieme credo sia preferibile Mandzukic". 

Passando al centrocampo, si è fatto il nome di Torreira.
"Sì e tra l'altro piace molto anche a Giampaolo, che lo ha avuto nella Sampdoria, ma il tecnico ha già capito che il Torino non può permettersi di spendere la somma che chiederebbe l'Arsenal, oltre all'ingaggio. A me stuzzica per i viola la prospettiva di Seko Fofana, che darebbe grinta e agonismo atletico. Ovviamente è anche uno degli elementi migliori dell'Udinese e quindi non facile da trattare".

In difesa si parla del possibile addio di Milenkovic, secondo lei come finirà?
"Mi auguro che non venga ceduto, perché una squadra che punta a rafforzarsi non può prescindere da un talento di 22 anni. È vero che il Milan lo segue, ma spero che le trattative per il rinnovo del contratto siano propedeutiche a una sua permanenza. Mi risulta che Commisso non lo voglia cedere e comunque sotto ai 35-40 milioni non se ne parla neanche". 

Tra l'altro c'è di mezzo Ramadani, come nel caso di Chiesa...
"Giusta osservazione. Su Chiesa la posizione della Fiorentina è sempre stata molto chiara, fin da quando ha scelto di trattenerlo. Si tratta di capire cosa voglia fare il giocatore e se esista una offerta allettante per i viola. Il Milan ad esempio lo segue perché vuole costruire una squadra ambiziosa. Poi tutto dipende da quanto tempo serva per prendere una decisione: in questo momento mi pare che la questione stia attraversando una fase di stallo".