DDV BLINDA CHIESA MA LE OFFERTE ARRIVERANNO. MERCATO: BUDGET MOLTO BASSO, SERVONO PRESTITI. PAGARE L'ANNO PROSSIMO PER UNA ROSA PIÙ FORTE ADESSO. SOUCEK IL SOSTITUTO DI BADELJ MA HA CARATTERISTICHE DIVERSE. MERET: TRATTATIVA DIFFICILE

13.06.2018 00:00 di Lorenzo Di Benedetto Twitter:   articolo letto 12760 volte
DDV BLINDA CHIESA MA LE OFFERTE ARRIVERANNO. MERCATO: BUDGET MOLTO BASSO, SERVONO PRESTITI. PAGARE L'ANNO PROSSIMO PER UNA ROSA PIÙ FORTE ADESSO. SOUCEK IL SOSTITUTO DI BADELJ MA HA CARATTERISTICHE DIVERSE. MERET: TRATTATIVA DIFFICILE

"Chiesa sta bene a Firenze, dove deve andare?". La Fiorentina ha rotto il silenzio e a prendere la parola è stato Diego Della Valle, il numero uno del club viola, colui che ha sempre l'ultima parola prima della conclusione di ogni trattativa di mercato. Fino a prova contraria non c'è alcun motivo per non credere alle sue parole ma dobbiamo comunque fare i conti con le offerte che continueranno ad arrivare anche nei prossimi mesi. La società adesso si è esposta pubblicamente, con parole ufficiali, ma se dovesse arrivare una proposta da 80-90 milioni di euro cosa succederebbe? Difficile, se non impossibile, rifiutare una cosa del genere, ma la Fiorentina è stata chiara: Federico Chiesa resterà a Firenze almeno per un altro anno. Negli scorsi mesi Pantaleo Corvino aveva ribadito a più riprese il fatto di non essere più costretto a cedere per comprare e le parole di DDV sono la prova di tutto questo, ma il budget messo a disposizione del direttore generale non può essere sufficiente per rinforzare a dovere la rosa di Stefano Pioli.  La società ha infatti messo nel portafoglio della dirigenza 20 milioni di euro, 10 dei quali sono stati già spesi per il riscatto di German Pezzella, ma al momento siamo sui 15, vista la cessione di Bruno Gaspar allo Sporting Lisbona. Gli obiettivi ai quali il tecnico non potrà rinunciare sono tre: il portiere, il sostituto di Milan Badelj e l'esterno d'attacco

Partiamo dal più vicino. Nella giornata di oggi Corvino proverà a chiudere per il centrocampista dello Slavia Praga, Tomas Soucek: è previsto l'incontro decisivo con i cechi e la speranza è quella di strappare ubn buon prezzo, sui 4 milioni di euro circa per un classe 1995. Sarà con ogni probabilità lui a prendere il posto del croato, ma stiamo parlando di un giocatore con caratteristiche totalmente diverse. Alto 192 centimetri il centrocampista garantirà presenza fisica e muscoli alla mediana ma non le geometrie di Badelj e per questo non è da escludere che prima della fine del mercato non possa arrivare anche un vero e proprio regista. Con i restanti milioni di euro la Fiorentina dovrà però comprare altro e non sarà affatto facile, visto che se si dovesse puntare a calciatori di livello ci sarebbe una sola via percorribile, quella del prestito con diritto o obbligo di riscatto. Il caso è quello di Alex Meret, portiere in cima alla lista di Corvino: al momento sono stati avviati soltanto i primi dialoghi ma la società di viale Manfredo Fanti non potrà certo permettersi di soddisfare subito le richieste dell'Udinese, che valuta l'estremo difensore 20-25 milioni di euro. Per questo la trattativa non sarà semplice e la cosa certa è che per avere una squadra più forte adesso la Fiorentina dovrà riuscire a pagare i giocatori tra un anno, quando probabilmente ci sarà l'addio di Federico Chiesa.