CHIARUGI, Gruppo coeso. Cholito voglioso. Sui DV...

 di Redazione FV Twitter:   articolo letto 2838 volte
Fonte: Lady Radio
CHIARUGI, Gruppo coeso. Cholito voglioso. Sui DV...

Luciano Chiarugi, storico ex viola, ha parlato di vari temi inerenti la Fiorentina, partendo dal successo conseguito domenica in casa del Verona: “Finalmente siamo più distesi: già qualche giorno fa avevo detto che la Fiorentina era una squadra che mi incuriosiva; avevo già visto della personalità già contro Inter e Samp. Contro l’Hellas è stata una bella vittoria, anche se fortunata. Si sta vedendo che sta venendo fuori la squadra: vanno fatti i complimenti a Pioli, forse potremo toglierci delle soddisfazioni. Noi dobbiamo scoprire ancora tanti giocatori, ma il gruppo sembra già coeso: abbiamo fatto una partenza con difficoltà, ma già con la Samp, dove non meritavamo di perdere, avevamo già visto qualcosa; la Fiorentina ha un gruppo che vuole emergere che può mettere in difficoltà le big. Abbiamo dei giocatori estremamente interessanti, aspettiamo il derby di sabato per avere ulteriori risposte. Quali i pericoli per una squadra con tanti giovani? Sicuramente devono stare attenti a non subire troppo le squadre avversarie: giovani come Chiesa, però, sembrano già avere personalità. Noi andiamo ad affrontare delle squadre molto attrezzate, ma l’importante è che la Fiorentina vada a giocarci contro con personalità e coesione. Questo gruppo ha bisogno di sentire il pubblico dalla sua parte, forse la prestazione di domenica può dare il via a questo processo. Cholito? Il gol che ha segnato domenica se lo avesse segnato Icardi avremmo detto che è un classico gol da rapace d’area. Simeone ha voglia di emergere, è una grande possibilità per lui giocare alla Fiorentina. Anche Gil Dias ha mostrato delle doti importanti, aspettiamo Laurini, la conferma di Badelj e Benassi che si è espresso già bene con l’Hellas: siamo tutti curiosi e fiduciosi di vedere cosa succederà in futuro. Della Valle? Io mi auguro fortemente che abbiamo capito che Firenze è di per sé polemica, ma che semplicemente lo scopo delle contestazioni è quello di cercare il bene di società e tifosi”.