VERSIONE MOBILE
TMW   
 Venerdì 9 Dicembre 2016
ZIBALDONE
Salotto Viola
12 Dic 2016 19:00
Serie A TIM 2016-2017
  VS  
Fiorentina   Sassuolo
[ Precedenti ]
SIETE D'ACCORDO SULLA GESTIONE DI BABACAR?
  
  

ZIBALDONE

IL BICCHIERE MEZZO PIENO

23.04.2012 01:39 di Stefano Borgi  articolo letto 1176 volte
foto di Stefano Borgi
foto di Stefano Borgi

Partiamo dalla foto. Fatta in casa (e si vede), sullo sfondo lo stemma della Fiorentina, nel bicchiere del buon Lambrusco. Il tutto in onore di Delio Rossi, fautore delle cose semplici, delle abitudini genuine (basti pensare che è uso cenare al circolino di Grassina), propugnatore di una Fiorentina provinciale, operaia. Dulcis in fundo, Rossi proviene dall'Emilia-Romagna, terra che produce quel vino frizzante, soave che riempie per metà il bicchiere della foto. A questo punto subentra l'eterno dilemma: nella Fiorentina il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto? Contro l'Inter del baby Stramaccioni, la Fiorentina ha guadagnato un punto (visti sopratutto i foschi presagi della vigilia) o ne ha persi due? Noi non abbiamo dubbi: il bicchiere è mezzo pieno (se Ljajic avesse trasformato il rigore altro che pieno... straboccava) e di conseguenza sono stati persi due punti che avrebbero voluto dire salvezza praticamente certa. Va da se che il punto conquistato contro i nerazzurri non è certo da considerare un "brodino", bensì un gustoso consommè consumato all'ora di pranzo.

Analizziamo allora una serie di "plus", presenti e futuribili, che emergono dal bicchiere mezzo pieno. Intanto ricordiamo il padre putativo di questa locuzione, Pantaleo Corvino, al quale saranno fischiate le orecchie vista la totale (e colpevole) assenza di punte a disposizione di Delio Rossi. Lo stesso Delio non aveva risparmiato battutine sarcastiche alla vigilia, augurandosi una Fiorentina riedizione di quella di San Siro che aveva battuto il Milan. E Rossi è stato accontentato: concentrazione, determinazione, "spirito e gamba" (l'ultimo slogan del tecnico di Rimini). E' mancata la stoccata finale, forse per colpa della troppa Nutella. Da qui si innesca una provocazione. Confrontate le formazioni di Milano e quella di ieri: difesa identica (Camporese, Natali, Nastasic, ergo manca Gamberini), solito centrocampo con Kharjà, Behrami, Lazzari e Pasqual, unica eccezione Cassani al posto di De Silvestri (ariergo, manca Montolivo). In attacco confermato Ljajic, mentre Cerci prende il posto di Jovetic. Tra l'altro il Cerci di ieri non è certo inferiore allo Jovetic del recente periodo. Cosa significa? Che Delio Rossi ha tolto un pò di supponenza, di spocchia, di sicurezza da posto fisso ed ha messo da parte due senatori come Gamberini e Montolivo. Che ha privilegiato la freschezza atletica, le motivazioni, la "fame" (diciamolo, i sentimenti genuini fatti in casa...come la foto di cui sopra) la meritocrazia, confermando la formazione che con dedizione ed umiltà aveva sbancato San Siro. Poi si sa, il calcio è strano perchè col Milan erano stati decisivi due giocatori (Jovetic ed Amauri) che contro l'Inter non c'erano, ma conta il principio, prevale il concetto. Nel calcio vince chi corre, chi arriva prima sul pallone, e ieri la Fiorentina correva.

Altro segnale del bicchiere mezzo pieno: la squadra ha giocato come voleva Delio Rossi. Di primo acchito dovrebbe essere la norma, ed invece è quasi una new entry. Innanzitutto palla a terra, vietati i cross alti per il centravanti che...non c'era. Fraseggi stretti, uno-due costanti e via ad attaccare la profondità per dettare il passaggio, al bando l'egoismo, l'individualismo (addirittura Cerci ha fatto l'uomo squadra fungendo da raccordo tra centrocampo e attacco). In avanti, poi, due punte veloci, tecniche, col compito di non dare riferimenti. E' mancato all'appello solo Ljajic, ma (idem come sopra) vale il principio.

Infine l'età media, la linea verde, il lavoro in prospettiva. Delio Rossi ha una paura fottuta di non essere confermato per la prossima stagione. Delio Rossi crede nei Della Valle, ha sposato Firenze, è un orgoglioso che rosica in silenzio e non ammetterebbe mai il fallimento dell'esperienza fiorentina. Allo stesso tempo è convinto di farcela, di portare a termine la missione e ripartire l'anno prossimo. Con una squadra costruita a sua immagine e somiglianza. E sta già lavorando per il futuro. In quest'ottica Gamberini e Montolivo sono rimasti fuori, è stato confermato Camporese (Nastasic, oramai, si conferma da solo), è stata data fiducia a Salifu ed Acosty in un momento topico della partita. Fateci caso: dal 72' (da quando è entrato Acosty al posto di Ljajic) la Fiorentina aveva in campo contemporaneamente Camporese 21 anni, Nastasic 19, Salifu 19, Acosty 18, Cerci 24 (e perchè non c'era Jovetic 22 anni). 101 primavere in cinque, alla media di 20 anni ciascuno. Poi, è vero, c'erano Natali, Lazzari, Kharjà, Behrami... ma vivaddio, siamo in serie A, mica nel campionato "primavera". Questa è la mentalità di Delio Rossi, questa è la sua idea di Fiorentina. E allora, anche se il Lecce non molla (però ha mollato il Genoa), anche con un rigore sbagliato a 20' dalla fine, anche con la vittoria che manca al Franchi dal 4 marzo (2-0 al Cesena), per noi il bicchiere è comunque mezzo pieno.


Altre notizie - ZIBALDONE
Altre notizie
 

VITTORIA CHE ISPIRA FIDUCIA PER UN DICEMBRE QUASI DECISIVO. COL SASSUOLO PER VERIFICARE SE LA SVOLTA E’ ARRIVATA. CHIESA, UN GIORNO DA RICORDARE. ORA MERITA PIU’ SPAZIO. LA LINEA VERDE E’ GIUSTA

VITTORIA CHE ISPIRA FIDUCIA PER UN DICEMBRE QUASI DECISIVO. COL SASSUOLO PER VERIFICARE SE LA SVOLTA E’ ARRIVATA. CHIESA, UN GIORNO DA RICORDARE. ORA MERITA PIU’ SPAZIO. LA LINEA VERDE E’ GIUSTASeconda vittoria consecutiva in un mese di dicembre che sarà fondamentale per le aspirazioni della Fiorentina. I motivi per provare ad essere fiduciosi riguardano non solo la vittoria e la qualificazione ai sedicesimi di Europa League (dove lo spauracchio assoluto è...

AG. ZARATE A FV, MAURO MERITA SOLO ELOGI. VIOLA? VUOLE RESTARE

AG. ZARATE A FV, MAURO MERITA SOLO ELOGI. VIOLA? VUOLE RESTAREMauro Zarate torna a sorridere, fuori e dentro dal campo. Gli sono bastati, d'altronde, solamente dodici minuti di gioco per conquistare un prezioso corner e servire l'assist vincente a Babacar nell'ultima gara della Fiorentina contro il Palermo. Un ritorno a sorpresa...
Fiorentina-Palermo 2-1

GIACOMAZZI, MAXI NON VALE ALONSO. CRISTOFORO...

GIACOMAZZI, Maxi non vale Alonso. Cristoforo...Guillermo Giacomazzi, ex centrocampista del Lecce che oggi lavora come intermediario di mercato, ha parlato così dei...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 9 Dicembre 2016.
 
Juventus 36
 
Roma 32
 
Milan 32
 
Lazio 28
 
Atalanta 28
 
Napoli 28
 
Torino 25
 
Fiorentina (-1) 23
 
Sampdoria 22
 
Inter 21
 
Genoa (-1) 20
 
Cagliari 20
 
Chievo Verona 19
 
Udinese 18
 
Sassuolo 17
 
Bologna 16
 
Empoli 10
 
Pescara 8
 
Crotone 6
 
Palermo 6

   Editore: TC&C srl (web content publisher since 1994) Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI